Home Cultura Cultura Reggio Emilia

Cristiana Morganti al Festival Aperto di Reggio Emilia

0
CONDIVIDI
Cristiana Morganti al Festival Aperto di Reggio Emilia
Cristiana Morganti al Festival Aperto di Reggio Emilia
Cristiana Morganti al Festival Aperto di Reggio Emilia

REGGIO EMILIA. 19 SET. Martedì 25 e mercoledì 26 ottobre debutta al Festival Aperto di Reggio Emilia la Nuova Creazione di Cristiana Morganti che sarà successivamente presentata per l’Italia, il 16 e 17 giugno 2017, al Funaro di Pistoia, coproduttore del lavoro e “casa creativa” dell’artista fin dagli esordi, nel 2011, del percorso esterno al Tanztheater Wuppertal Pina Bausch.

Sono passati solo cinque anni dall’inizio del percorso di Cristiana Morganti come solista e coreografa “indipendente” dal Tanztheater Wuppertal Pina Bausch (per il quale è tutt’ora danzatrice ospite) ma l’artista segna al suo attivo già tre creazioni, due premi (il premio Positano Leonide Massine come Migliore Danzatrice Contemporanea dell’anno, nel 2011 e il Premio Danza & Danza come Migliore Interprete/Coreografa, nel 2014), moltissime date in Italia e una grande attenzione da parte di stampa, addetti ai lavori e pubblico.  Dopo “Moving with Pina” e“Jessica and me”.

A differenza dei due lavori precedenti, qui la Morganti si presenta esclusivamente nei panni di coreografa e regista e mette in scena due danzatrici fulve, alte, dalla pelle eburnea, simili eppure quasi antitetiche e con loro indaga, con la sua inconfondibile ironia, il tema della rabbia, sentimento ambiguo comunemente inteso come forza distruttrice di cui si dimentica l’enorme potenziale creativo. In scena Breanna O’Mara e Anna Fingerhuth per uno spettacolo che ha visto la collaborazione artistica di Kenji Takagi, il disegno luci di Jacopo Pantani, i video di Connie Prantera, l’editing musicale di Bernd Kirchhoefer ed è prodotto da Il Funaro – Pistoia e Cristiana Morganti, in coproduzione con Festival Aperto Fondazione I Teatri – Reggio Emilia e con AMAT & Civitanova Danza (dove lo scorso agosto è andato in scena in anteprima) e con il sostegno della Città di Wuppertal e della Jackstädt Stiftung – Wuppertal. Anche i nomi delle due danzatrici protagoniste, Anna e Breanna suggeriscono come la diversità passi a volte per sottili dettagli. Il confronto o contrasto, anche rabbioso, con ciò che esternamente o internamente turba l’armonia a essere lo strumento principale per costruire la propria identità. Su una scena completamente bianca le due danzatrici agiscono, danzano e si raccontano al ritmo di sonorità che vanno dal rock/ punk fino a Bach, creando ununiverso onirico e misterioso fra la fiaba e l’autobiografia.

Cristiana Morganti continua anche la sua collaborazione con l’Accademia D’Arte Drammatica Silvio D’Amico di Roma e con la Reggio Children Foundation a Reggio Emilia, dove già ormai da due anni guida un percorso di formazione per gli educatori del Tavolo 0/6. Si rinnova anche il legame con il Conservatoire Nationale Superieure de Paris, e proprio per i suoi allievi diplomandi Cristiana Morganti creerà una coreografia che verrà presentata dal 25 al 28 aprile 2017 al Theatre Art Lyrique a La Villette a Parigi.

Nell’autunno 2017 Cristiana Morganti terrà un laboratorio per professionisti al Funaro di Pistoia.

FRANCESCA CAMPONERO